Nuovo
Muascae Barbera d'Asti Docg Superiore 2010

Muascae Barbera d'Asti Docg Superiore 2010

ATS-10693

Cascina La Ghersa

Uve: Barbera 100%

Gradazione Alcolica: 14% Vol

Temperatura di Servizio: 17-18°C

Abbinamenti Gastronomici: tutti i grandi piatti di carne, arrosti, brasati, selvaggina e cinghiale serviti con salse; formaggi stagionati. Cucina piemontese: stinco di vitello cotto al forno, oca arrosto, formaggio Murazzano. Ottimo vino da meditazione

Maggiori dettagli

29,89 €

"Muascae" Barbera D'Asti Docg Superiore 2010

Denominazione: Barbera d’Asti D.O.C.G. Superiore

Vigneti Origine: vigneto sito in Nizza Monferrato, sulla collina La Ghersa, in Loc. Punta d’Angùta, impiantato personalmente da Massimo Pastura dopo una ricerca volta ad identificare i cloni ed i portainnesti in grado di esprimere l'eccellenza della qualità nelle condizioni pedo-climatiche del territorio di appartenenza. Si producono quindi Barbera con piccoli grappoli, spargoli e con acini di piccole dimensioni

Sistema di Allevamento : controspalliera a guyot laterale, coltivazione biologica con inerbimento

Tipologia del Terreno: marne calcaree ed argillose, sabbie astiane dell’era terziaria; strati tufacei a media profondità

Densità di Impianto: 5500 viti per ettaro

Resa: circa 1 Kg di uva per pianta, in vino 45 Hl/Ha

Anno d'Impianto del Vigneto: 1996

Esposizione: sud-sud ovest

Vendemmia: differenziata, a mano, in cassette da 20 kg di capacità, effettuata a settembre

Vinificazione: la fermentazione viene effettuata in tini di rovere francese della capacità di 52 hl.; il mosto viene lasciato a contatto con le bucce per 18-20 giorni; per favorire la massima estrazione di colore, profumi ed aromi, viene effettuato il dèlestage, cioè viene aspirato tutto il mosto liquido in fermentazione, determinando la caduta e la rottura del cappello sul fondo del serbatoio: ripompando il mosto all'interno del serbatoio le bucce sgretolate fra di loro, risalendo lentamente verso l'alto, saranno a perfetto contatto della parte liquida

Affinamento: terminato il periodo di macerazione sulle bucce il vino viene travasato in barriques, dove svolgerà la fermentazione malolattica e vi rimarrà a maturare ed affinare per un periodo complessivo di circa 18 mesi; i legni utilizzati per la costruzione delle barriques sono stagionati per almeno 3 anni

Note di Degustazione: 

  • colore: rosso porpora intenso con riflessi granata, brillante
  • profumo: note intense di mora, succo di mirtillo, note mentolate e di bacche di ginepro, pepe e venatura minerale
  • gusto: complesso e profondo, denso e succoso ma elegante e suadente; finale molto lungo, sapido e minerale con un'avvolgente complessità aromatica

Potenziale di Invecchiamento: oltre 10 anni

Note: “Muascae” o “Muaschae” sono i nomi originari di Moasca. Relativamente alle origini del nome, due sono le interpretazioni date al toponimo: il suffisso –asca farebbe pensare ad una origine ligure del nome con significato “terra, città in mezzo alle acque”, ed il nome Muasca segnalato nel 1198 dal Codex Astensis, come prediale del nome personale romano Modius. La storia di Moasca è strettamente legata a quella del Castello che sorge nel centro del paese. L’economia è basata rincipalmente sull’agricoltura: la coltivazione della vite costituisce la fonte di reddito primaria per gli agricoltori. Il Barbera d'Asti ed il Moscato d'Asti sono, senza dubbio, il fiore all'occhiello dell'enologia del luogo

Tipo di VinoRosso